Vai al contenuto principale

Menù dei canali di comunicazione

Indicatori di programmazione e controllo D.L. 78/2010 convertito in Legge 30 luglio 2010 n°122 (prima versione)

Ufficio Coordinamento OsMed ed Attività HTA

Indicatori di Programmazione e Controllo

DL 78/2010 - Art. 11 comma 7b convertito in legge 30 luglio 2010 n°122

 1. PREMESSA

La norma citata prevede che l’Agenzia Italiana del Farmaco provveda alle predisposizione di “tabelle di raffronto tra la spesa farmaceutica territoriale delle singole regioni sulla base dei migliori risultati in termini di principi attivi non coperti da brevetto, ovvero a prezzo minore rispetto al totale della medesima categoria terapeutica equivalente”.

Lo scopo delle tabelle è di “mettere a disposizione delle regioni strumenti di programmazione e controllo idonei a realizzare un risparmio di spesa non inferiore a 600 milioni di euro su base annua”.

 AIFA, in accordo con il Ministero dell’Economia e delle Finanze ed il Ministero della Salute, ha identificato, in via preliminare, i seguenti indicatori di programmazione e controllo:

 A02BC Inibitori di pompa protonica

  • Utilizzo di molecole a brevetto scaduto sul totale della classe degli inibitori di pompa protonica

 C09 Farmaci attivi sul sistema renina angiotensina

  • Utilizzo di ACE-inibitori non associati (C09A) sul totale degli ACE-inibitori non associati (C09A) e dei sartani non associati (C09C)
  • Utilizzo di ACE-inibitori associati a diuretico (C09B) sul totale degli ACE-inibitori associati a diuretico (C09B) e dei sartani associati a diuretico (C09D)
  • Utilizzo di losartan (C09CA01) (farmaco a brevetto scaduto) sul totale della classe dei sartani (C09CA)

C10AA Inibitori delle CoA-reduttasi (statine)

  • Utilizzo di molecole a brevetto scaduto sul totale della classe delle statine

N06AB Inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI)

  • Utilizzo di molecole a brevetto scaduto sul totale della classe degli SSRI

Sulla base delle premesse citate AIFA ha effettuato una valutazione preliminare che porta ad ipotizzare un possibile risparmio totale variabile da 646 a 709 milioni €.Da considerare che i risparmi derivanti dalla crescita degli ACE-inibitori rispetto ai sartani e del losartan (brevetto scaduto) all’interno della sua classe possono non essere completamente sommabili in quanto appartenenti alla stessa classe ATC (C09).Da notare inoltre che per gli inibitori di pompa protonica (A02BC) i risparmi risultano sovrastimati in quanto alcune regioni hanno applicato il prezzo di riferimento sulla classe e quindi rimborsano il prezzo del generico, indipendentemente dalla molecola acquistata.

Si rendono disponibili di seguito i seguenti documenti :

Vai al contenuto principale Vai all'inizio della pagina