Vai al contenuto principale

Menù dei canali di comunicazione

Questa notizia è disponibile anche in ...
Tutte le attualità

OMS: la vaccinazione antinfluenzale può salvare migliaia di vite ogni anno

02/11/2015

"Ogni anno fino a 500.000 persone in tutto il mondo muoiono a causa di complicazioni dell’influenza. Circa il 10% di queste morti avvengono in Europa. Molte di queste vite avrebbero potuto essere salvate con un semplice gesto: effettuare la vaccinazione antinfluenzale ". Con queste parole Caroline Brown, Programme Manager per l'influenza e altri agenti patogeni respiratori dell’Ufficio Regionale per l’Europa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), introduce un tema di stretta attualità sul sito dell’organismo internazionale.

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha da sempre sottolineato l’importanza della vaccinazione contro l’influenza stagionale come strumento per prevenire l’insorgenza della malattia e delle sue complicanze. Spesso si commette l’errore di sottovalutare l’impatto di quella che è una vera e propria malattia infettiva e può causare gravi problemi di salute e in alcuni casi addirittura avere conseguenze fatali, soprattutto negli anziani e nelle persone affette da patologie croniche.

"Ogni anno” prosegue Caroline Brown “sono almeno 30 milioni le persone residenti nel continente europeo che decidono di vaccinarsi. Tutti coloro che hanno più di 65 anni, presentano problemi di salute preesistenti, sono in stato interessante o lavorano come operatori sanitari dovrebbero fare lo stesso".

L’OMS ha stilato una serie di messaggi chiave relativi a rischi e corretta gestione dell’influenza.

  • Gli ultrasessantacinquenni e le persone affette da malattie preesistenti sono più a rischio

Contrarre l'influenza è sempre spiacevole, ma il decorso è generalmente lieve e la maggior parte delle persone recupera rapidamente. Tuttavia, questa patologia può occasionalmente dare luogo a malattie gravi e in alcuni casi fatali.

I soggetti più a rischio di complicanze influenzali gravi sono le persone oltre i 65 anni - otto decessi su dieci legati all’influenza occorrono in questa fascia di età. Questo perché il sistema immunitario si indebolisce con l'età e diventa meno efficace nel combattere le infezioni. Inoltre, se una persona ha già problemi di cuore, diabete, malattie epatiche o renali croniche o una malattia polmonare, una infezione influenzale può peggiorare queste condizioni e essere addirittura fatale.

  • Il modo più efficace per prevenire l'influenza o esiti gravi è la vaccinazione

L’Ufficio Regionale dell’OMS per l’Europa raccomanda che gli individui che hanno più di 65 anni e le persone affette da patologie preesistenti si sottopongano alla vaccinazione antinfluenzale ogni anno. I vaccini antinfluenzali sono sicuri e gli effetti collaterali sono minimi, soprattutto se confrontati con il rischio molto più elevato rappresentato dalle complicanze dell’influenza.

"Troppe persone tra quelle oltre i 65 anni e quelle affette da altre patologie, non sono consapevoli di come influenza può incidere sulla loro salute e non si preoccupano della vaccinazione. Pensare all’influenza come a una malattia innocua è fuorviante, soprattutto per queste persone. Sottoponendosi alla vaccinazione antinfluenzale potrebbero ridurre il rischio di complicanze, e dovrebbero farlo ogni anno, non solo una volta, dal momento che i virus influenzali mutano", conclude Caroline Brown.

A questo proposito l’AIFA sottolinea che, in accordo alla Circolare del Ministero della Salute pubblicata il 2 settembre 2015 (“Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2015-2016”), il periodo destinato alla conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale è, per la nostra situazione climatica e per l’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali in Italia, quello autunnale, a partire dalla metà di ottobre fino a fine dicembre, fatte salve specifiche indicazioni, che saranno fornite se particolari eventi legati ai vaccini e/o l’andamento epidemiologico stagionale dell’influenza lo richiederanno.

•    Anche le donne in gravidanza e gli operatori sanitari dovrebbero vaccinarsi

L'OMS raccomanda la vaccinazione contro l’influenza anche alle donne in gravidanza, perché sono maggiormente inclini a malattie gravi in caso di contrazione dell'influenza che possono avere conseguenze negative per il feto. Per di più, la vaccinazione antinfluenzale somministrata durante la gravidanza può anche proteggere il neonato dall’influenza nei primi mesi di vita.

Allo stesso modo, gli operatori sanitari sono considerati come un gruppo a rischio in quanto sono più esposti a diversi virus su base giornaliera, tra cui il virus dell'influenza, e hanno bisogno di protezione.

Recentemente è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Determina dell’AIFA che autorizza i vaccini influenzali per la stagione 2015-2016, in accordo alle procedure registrative nazionale e di mutuo riconoscimento. Secondo la procedura Centralizzata dell’European Medicines Agency (EMA), sono inoltre registrati i vaccini influenzali INTANZA (Sanofi Pasteur MSD SNC), OPTAFLU (Novartis Influenza Vaccines Marburg GmbH) e FLUENZ TETRA (Medimmune LLC). La composizione di tutti i vaccini influenzali per la stagione 2015-2016 segue le raccomandazioni dell’OMS e del Committee for Human Medicinal Products (CHMP) dell’EMA.

Leggi l’articolo sul sito dell’OMS
Leggi la Circolare del Ministero della Salute, Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2015-2016
Consulta la sezione Domande e Risposte su Vaccini antinfluenzali sul sito dell’AIFA

Note AIFA

Numero nota Farmaco in nota
Vai al contenuto principale Vai all'inizio della pagina